Sei alla ricerca di informazioni sulla struttura del capello?

In questa guida ti diremo tutto ciò che c'è da sapere sul ciclo di vita del capello, sulla sua composizione e sulle possibili patologie che possono riguardare la salute della tua chioma.

I capelli, proprio come i peli corporei, sono composti da diverse parti e sono soggetti a cicli di ricrescita costanti. Oltre alla parte visibile del capello, costituito dal fusto, abbiamo una parte nascosta nel derma, definita matrice, che rappresenta la radice.

Conoscere questi elementi è importante per capire meglio come funziona il ciclo di vita del capello, quali fasi attraversa e in quanto tempo crescono i capelli.

Vediamo ora quali sono le parti che compongono il capello e quali sono le principali caratteristiche legate a questo aspetto.

Informazioni utili sulla struttura e la crescita del capello

Dalla struttura chimica del capello alle patologie che possono colpirlo, ecco tutto quello che devi sapere per tenere sotto controllo la tua chioma.

Come è fatto il capello

Parlando di struttura del capello e della sua composizione, possiamo dire che esso si compone essenzialmente di due parti: una parte visibile, detta fusto, e una parte nascosta, definita matrice.

La parte che determina la crescita del capello è rappresentata proprio dalla matrice, conficcata nel follicolo pilifero della cute. La radice è suddivisa a sua volta in tre parti:

  • La parte più profonda, dove si trovano il bulbo e la papilla dermica. Quest'ultima, riccamente vascolarizzata, produce le cellule di cui è composto il capello;
  • L'istmo;
  • L'infundibolo;

Il fusto, o stelo, è la parte visibile del capello ed è costituito a sua volta da una zona esterna, detta cuticola, formata da minuscole squame di cheratina sovrapposte in strati (da 6 a 10, a seconda dello spessore del capello).

Ciclo di vita del capello

Il ciclo di vita del capello e la sua crescita avvengono, in condizioni normali, alla velocità media di 1-1,5 cm al mese.

Come abbiamo detto parlando di caduta dei capelli stagionale, il ciclo pilifero del capello ha una durata variabile dai 2 ai 6 anni e, così come negli animali, anche gli esseri umani sono soggetti ad una sorta di “muta”.

La perdita di capelli fino a 100 unità è considerata infatti fisiologica e non problematica: non allarmarti, dunque, se in alcuni periodi dell'anno noti un piccolo incremento della caduta dei capelli.

Tornando al ciclo di crescita dei capelli, esso attraversa essenzialmente tre fasi:

  • Una fase di crescita definita anagen;
  • Una fase di regressione definita catagen;
  • Un periodo di eliminazione definito telogen.

La fase anagen è costituita, a sua volta, da sei sottofasi: le prime cinque, di breve durata, rappresentano la fase proliferativa, mentre la sesta è caratterizzata da una fase di differenziazione ed è più lunga.

Circa la durata, infatti, essa è variabile a seconda del sesso: negli uomini la fase anagen dura circa 2-4 anni, mentre nelle donne 3-6 anni.

Durante la fase catagen, i follicoli piliferi diminuiscono gradualmente la loro attività, fino ad arrestarla.

Il periodo di riposo (telogen), può durare circa tre mesi. In questo lasso di tempo il bulbo pilifero risale verso l'epidermide ed assume il tipico aspetto a clava dovuto alla retrazione di tutte le guaine follicolari.

Al termine di questa scalata, il bulbo, per via di una trazione, lascerà la sede follicolare dove, nel frattempo, sarà già ripartito probabilmente un ciclo anagen.

Patologie

La struttura del capello e il suo ciclo di vita possono essere soggetti a patologie di diversa entità.

Come abbiamo detto, se durante alcuni periodi dell'anno accusi una caduta di capelli più massiccia del solito, non c'è da preoccuparsi, a patto che la caduta sia uniforme e distribuita in modo omogeneo.

In caso di perdita dei capelli solamente in alcune zone o se noti fenomeni molto acuti di diradamento, potrebbe trattarsi di una forma di alopecia.

Se desideri una consulenza sulla salute della tua chioma o se avverti strani sintomi di cui non conosci la causa, rivolgiti al nostro Studio: ti aspettiamo a Roma, in via Cola di Rienzo 212.

Per fissare un appuntamento o ricevere ulteriori informazioni, scrivi una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiama lo 06/45471658


Ultime

Dermoscopia e lenti Dermlite: di cosa si tratta?

 

La dermoscopia (o dermatoscopia o epiluminescenza) è l’analisi delle lesioni cutanee tramite dermatoscopio. Il dermatoscopio è lo strumento che serve allo specialista per poter osservare meglio le strutture cutanee superficiali.

Scopri subito a cosa serve sottoporsi a una dermoscopia e perchè farlo.

Nei e melanoma: come distinguere un comune neo da uno a rischio

 

Nei e melanoma è un binomio in stretta correlazione, da monitorare continuamente perché è proprio nell’auto-esame della pelle e nell’individuazione di nei atipici che risiede la principale forma di prevenzione.

Pelle e inquinamento: come proteggersi

Noti la pelle più secca e più spenta? I tuoi capelli tendono a cadere? Sai che l'inquinamento ambientale condiziona la salute della pelle e dei tuoi capelli? Scopri subito come proteggerti e conosci più a fondo lo stretto legame che c'è tra pelle e inquinamento!