I capelli maschili possono essere soggetti, nel corso degli anni, a diversi stress e fattori predisponenti, che innescano un processo di stempiamento e caduta. Contrariamente a ciò che si crede, la perdita di capelli nell’uomo non è necessariamente legata all’età: esistono diversi tipi di alopecia, legate a cause ed elementi differenti.

Dall’alopecia androgenetica a quella da stress, vediamo  da cosa è determinato il diradamento dei capelli nell’uomo e quali sono le origini della calvizie maschile.

Alopecia maschile: cause, tipologie, rimedi

Iniziamo ora a vedere quali sono le principali cause della caduta dei capelli nell’uomo e quali sono le patologie che possono determinare i diradamenti dei capelli.

Possibili cause della caduta dei capelli

Le cause della perdita di capelli nell’uomo sono riconducibili a diversi fattori, che determinano a loro volta il quadro clinico del paziente.

In generale, come abbiamo detto, la perdita di capelli non è strettamente legata all’avanzare degli anni: è possibile assistere ad una caduta dei capelli nell’uomo anche a 20 o 30 anni.

Le cause più frequenti del diradamento e caduta dei capelli sono

  • Ereditarie, come nell’alopecia androgenetica;
  • Stress, come nell’alopecia da stress;
  • Alimentari, come nell’alopecia dovuta a squilibri nutrizionali;
  • Eccesso di sebo, come nell’alopecia seborroica.

Vediamo ora una panoramica sulla calvizie maschile e sulle possibilità di cura delle patologie.

Alopecia androgenetica: che cos’è

La prima forma di alopecia che andremo a trattare è l’alopecia androgenetica, una delle cause più conosciute della perdita di capelli nell’uomo.

L’alopecia androgenetica riconduce la caduta dei capelli ad un fattore prettamente ereditario. In sostanza, questa forma di alopecia è dovuta al cattivo funzionamento dell’enzima 5-alfa-reduttasi che non riesce a sintetizzare correttamente un ormone androgino, il diidrotestosterone (detto DHT). La conseguenza di questo malfunzionamento è la crescita di capelli deboli e sottili, che tendono a cadere perché il DHT si lega al bulbo del capello, atrofizzandolo.

In questo caso, il diradamento nell’uomo è localizzato nella zona fronto temporale e/o alla chierica, e può essere più o meno veloce e marcato.

Ovviamente, questa patologia va diagnosticata da uno specialista dermatologo, che sarà in grado di fornire al paziente tutte le indicazioni per la cura.

LEGGI ANCHE – Tipi di alopecia: areata e androgenetica

Alopecia da stress

Oltre a fattori ereditari, la calvizie maschile può essere innescata da un forte stress, che può causare una caduta dei capelli.

Sembra proprio che lo stress causi forti squilibri nel nostro organismo, che si ripercuotono anche sulla chioma, provocando l’intensificarsi della perdita di capelli.

Spesso la perdita di capelli provocata da alopecia da stress si arresta trattando la fonte di stress che la provoca.

Alopecia seborroica

La calvizie maschile e il diradamento dei capelli nell’uomo può essere causata anche dall’alopecia seborroica, una patologia legata ad un’anomala produzione di sebo da parte del cuoio capelluto.

Un’eccessiva produzione di sebo, infatti, può determinare l’insorgere di forfora grassa e alterare il naturale ciclo del capello ostruendo i follicoli piliferi dove nascono e si sviluppano i nostri capelli.

Alopecia alimentare

Un’altra possibile patologia legata alla perdita di capelli nell’uomo è l’alopecia dovuta a squilibri alimentari, dove il paziente ha delle carenze nutrizionali.

Solitamente a determinare la caduta di capelli è la carenza di vitamine del gruppo B. Per scongiurare questa forma di alopecia, è bene mangiare più cereali, preferendo l’avena, che contiene ferro, fosforo e magnesio.

Ottimi anche gli alimenti ricchi di vitamina E, che ha il compito di migliorare la circolazione sanguigna nel cuoio capelluto. Questa è contenuta in frutta secca, pesce, olio di semi di lino, frutti di mare.

Diagnosi e rimedi per la calvizie

La prima cosa da fare quando si ha il timore di diventare pelato è rivolgersi ad uno specialista, che attraverso alcuni esami sarà in grado di definire la causa della perdita di capelli e, di conseguenza, la possibile cura.

Non esiste, infatti, una cura unica da applicare ad ogni tipo di alopecia: ciascun paziente è a sé e ha bisogno di una soluzione su misura per contrastare il problema.

Per avere un consulto specialistico e affrontare la caduta dei capelli, affidati a noi: ti aspettiamo nel nostro studio dermatologico a Roma, in via Cola di Rienzo 212.

Per prenotare un appuntamento, scrivici una mail su Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiama lo  06 45471658


Ultime

Dermoscopia e lenti Dermlite: di cosa si tratta?

 

La dermoscopia (o dermatoscopia o epiluminescenza) è l’analisi delle lesioni cutanee tramite dermatoscopio. Il dermatoscopio è lo strumento che serve allo specialista per poter osservare meglio le strutture cutanee superficiali.

Scopri subito a cosa serve sottoporsi a una dermoscopia e perchè farlo.

Nei e melanoma: come distinguere un comune neo da uno a rischio

 

Nei e melanoma è un binomio in stretta correlazione, da monitorare continuamente perché è proprio nell’auto-esame della pelle e nell’individuazione di nei atipici che risiede la principale forma di prevenzione.

Pelle e inquinamento: come proteggersi

Noti la pelle più secca e più spenta? I tuoi capelli tendono a cadere? Sai che l'inquinamento ambientale condiziona la salute della pelle e dei tuoi capelli? Scopri subito come proteggerti e conosci più a fondo lo stretto legame che c'è tra pelle e inquinamento!