Qual è il rapporto tra pelle e inquinamento

Pelle e inquinamento è un binomio in stretta correlazione poiché la salute della nostra pelle risente del livello di inquinamento ambientale all’interno del quale operiamo ogni giorno.

Per inquinamento si intende una contaminazione dell’ambiente domestico ed esterno da parte di agenti chimici, fisici, biologici, che modificano le caratteristiche dell’atmosfera terrestre.

La pelle, quale organo preposto alla protezione dei visceri dall’interferenza dell’ambiente esterno, è per definizione la struttura più interessata alla variazione ‘malata’ dell’ambiente.

Le parti del corpo maggiormente esposte sono certamente viso e mani. Ma nei mesi più caldi, durante i quali ci si scopre di più, il rischio coinvolge anche braccia e gambe.

Sono ben conosciuti gli effetti negativi che l’aria inquinata determina sull’apparato respiratorio; ma sono, invece, molto sottovalutati quelli che influiscono a livello dermatologico. Gli agenti inquinanti come ozono, zolfo, piombo e ossido di azoto si depositano sull’epidermide, formano una patina che ostruisce i pori, limitando la fuoriuscita del sebo nonché l’ossigenazione della pelle.

 

Quali sono gli effetti dell’inquinamento sulla pelle?

  • invecchiamento precoce;
  • comparsa di macchie scure;
  • colorito spento e irregolare;
  • capelli secchi, fragili e calvizie.

L’inquinamento atmosferico entra in contatto diretto con gli organismi cellulari della cute, riducendone l’ossigenazione e la produzione di elastina e collagene, fondamentali per il rinnovamento cellulare. Per questo si verifica un’accelerazione del processo di invecchiamento cutaneo, che si manifesta attraverso la comparsa di rughe, la riduzione del tono cellulare e dell’elasticità.

Come se non bastasse, lo smog può combinarsi ai raggi UV generando quello che è conosciuto come fotoinquinamento, un fenomeno che ha diversi effetti negativi sulla pelle, tra i quali l’iperpigmentazione, causa di un colorito giallastro e opaco.

La via di penetrazione transcutanea più importante è quella attraverso i follicoli piliferi, indipendentemente dalle dimensioni molecolari dell’inquinante considerato.

Anche i capelli possono risentire dello stress e dell’inquinamento ambientale. Possono infatti diventare secchi, deboli e fragili e, in alcuni casi, cadere. In particolare il fumo di sigaretta ambientale è associato anche all’alopecia androgenica (calvizie).

Infine, spesso dimentichiamo che inquinanti importanti si trovano indoor. Li viviamo costantemente, basti pensare al tipo di cibo con cui ci nutriamo, al modo in cui lo cuciniamo, al tipo di lavoro che facciamo e all’ambiente in cui lo svolgiamo, alla collocazione della nostra casa e ai materiali con cui è stata costruita.

Un contesto inquinato esplica i suoi effetti deleteri sui tessuti e organi attraverso la formazione di sostanze malefiche e i radicali liberi.

 

Pelle e inquinamento: coinvolgimento indiretto

Un fattore che spesso non si considera è che il coinvolgimento cutaneo può essere anche indiretto, da parte del derma, strato vascolarizzato della cute, che riceve, attraverso di esso, le particelle inquinanti che abbiamo inalato o ingerito e sono arrivate nel sangue.

I diversi inquinanti interferiscono tra di loro, potenziando gli effetti deleteri sulla cute: ad es. la pelle di un fumatore invecchia più precocemente ed intensamente se viene anche esposta al sole.

Alti livelli di inquinanti ambientali, specialmente il fumo di sigaretta, sono associati con la comparsa e l’aggravamento dell’acne.

 

Pelle e inquinamento: cosa fare per proteggersi

Innanzitutto partire dall’alimentazione: una dieta a base di alimenti ricchi di antiossidanti, come i frutti rossi e le verdure in foglia, contribuisce a fermare l’azione dannosa dei radicali liberi sulle cellule cutanee.

Porre molta attenzione alla routine di pulizia del viso è un altro strumento in nostro possesso per rimuovere sporco e impurità formate dall’accumulo di particelle inquinanti, anche quando non si indossa make-up.

In generale è fondamentale assicurarsi di detergere in profondità la pelle e rimuovere ogni traccia di impurità rilasciate dall’aria inquinata. Il ricorso ad uno scrub o ad un trattamento esfoliante può essere utile per contrastare la comparsa di punti neri e segni scuri, e allo stesso tempo per rimuovere le cellule morte, che possono far apparire la pelle stanca e dal colorito spento.

È importante applicare sempre una protezione solare, durante tutto l’anno, per proteggere la pelle dai danni dei raggi UV, dal momento che, come abbiamo visto, questi rendono ancora più dannoso l’impatto dell’inquinamento sulla pelle.

 

Se credi che l'inquinamento ambientale abbia agito negativamente sullo stato di salute della tua pelle provocando uno degli effetti negativi sopra descritti, rivolgiti al più presto ad un dermatologo.

Ti aspettiamo a Roma, in Via Cola di Rienzo, 212 al nostro Studio Medico Dermatologia Prati per una visita di controllo. Chiama il numero 06 45471658 e fissa un appuntamento.


Ultime

Pelle e inquinamento: come proteggersi

Noti la pelle più secca e più spenta? I tuoi capelli tendono a cadere? Sai che l'inquinamento ambientale condiziona la salute della pelle e dei tuoi capelli? Scopri subito come proteggerti e conosci più a fondo lo stretto legame che c'è tra pelle e inquinamento!

Molluschi contagiosi: cosa sono e come curarli

Noti delle piccole e strane escrescenze sulla pelle? Ti sembrano verruche? Richiedi il consulto di un medico poiché potrebbe trattarsi di molluschi contagiosi. Di cosa si tratta, quali siano le cause e le terapie, lo scopriremo in questo articolo.

Borse e occhiaie: differenze, cause e rimedi

Soffrite di gonfiore sotto gli occhi? Trovate che sia una caratteristica davvero antiestetica? Volete liberarvene? O ancora non avete ben chiara la differenza tra borse e occhiaie? È innanzitutto fondamentale sapere bene di cosa si tratta per poter prendere i giusti provvedimenti. Inoltre, anche se non si tratta di una patologia grave, è bene tener presente che talvolta potrebbe avere cause organiche da non sottovalutare.